Blog Listing

ZTL 5 domande al Sindaco Orlando

ZTL 5 domande al Sindaco Orlando

La differenza tra le ZTL realizzate in molte città e metropoli italiane ed Europee e quella realizzata a Palermo, consiste nella attuazione e non nel principio.

Le ZTL di Stampo Europee sono figlie di studi, di progetti e di atti amministrativi e di infrastrutture realizzate in coerenza con analisi e progetto.

La ZTL Palermosaura è figlia di analisi, più o meno condivisibili, di un progetto varato ad HOC e di atti amministrativi ed infrastrutturali che nulla hanno a che fare con l’analisi, con il progetto e con gli atti approvati.

La differenza tra la ZTL Palermosaura e quelle europee emerge nettamente se si risponde alle domande di seguito riportate e che giriamo al nostro Sindaco

Con la delibera Consiliare 365 del 29 ottobre 2013 il Consiglio Comunale di Palermo ha approvato il Piano Generale del Traffico Urbano composto da più allegati tra i quali, in particolare, la relazione di progetto.

La delibera, pur se nella relazione di progetto era prevista l’istituzione delle ZTL, chiosava che “l’eventuale introduzione di ZTL saranno istituite sulla scorta di studi specifici aggiornati che consentano di individuare le aree di maggiore inquinamento atmosferico, ed al fine del contenimento dello stesso.”

Foto ripresa alle ore 12,00 di ieri.

Foto ripresa alle ore 12,00 di ieri.

Per comprendere/analizzare i motivi delle pesanti refluenze negative sulle attività imprenditoriali che operano all’interno della ZTL, ci permettiamo di fare al Sindaco le seguenti cinque domande:

  1. Sono stati fatti gli studi aggiornati sui dati sull’inquinamento sull’intera città? Se la risposta è affermativa, la zona che è stata perimetrata corrisponde a quelle dove l’inquinamento atmosferico è più alto?
  2. Ai fini della fluidificazione del traffico ai limiti della ZTL individuata, la relazione di progetto prevedeva dei percorsi di “arroccamento” ben definiti e con delle prescrizioni precise. I percorsi di arroccamento individuati corrispondono a quelli previsti dalla relazione di progetto?
  3. I progettisti ritengono che “La chiusura di una vasta zona al traffico veicolare, se non attentamente studiata e progettata, rischia di peggiorare l’efficienza del sistema in quanto riduce le risorse di spazio disponibile sia per la circolazione sia per la sosta, genera una nuova mappa degli spostamenti, con probabili effetti collaterali indesiderati, con il rischio di spostare la congestione e l’inquinamento dalla zona chiusa al traffico alle aree ad essa confinanti” e, per evitare questi effetti collaterali hanno indicato una serie di prescrizioni. Le prescrizioni previste sono state tutte attuate? In particolare sono stati realizzati quegli interventi infrastrutturali minimali che occorreva preliminarmente realizzare?
  4. Con le misure adottate, il numero di passeggeri che il servizio pubblico è stato in grado di assorbire, è sufficiente a garantire i requisiti di accessibilità al centro storico?


Leave a Reply